addolcitori: domande frequenti

Risposte alle domande più frequenti relative al processo di addolcimento mediante scambio ionico ed agli addolcitori d'acqua.

Acqua dura e addolcimento dell'acqua

  1. Che cosa significa il termine "acqua dura" ?
  2. Quando è opportuno eliminare la durezza dell'acqua ?
  3. In cosa consiste l'addolcimento dell'acqua?
  4. A cosa serve un addolcitore d'acqua ?
  5. Perchè addolcire l'acqua?
  6. A chi è consigliato installare un addolcitore d'acqua?
  7. Come funziona un addolcitore?
  8. E' preferibile installare un addolcitore con valvola a tempo o un addolcitore volumetrico?
  9. Quali sono le principali differenze tra addolcitori a doppio corpo e addolcitori cabinati?
  10. Come dimensionare un addolcitore ed individuare l'impianto adatto alle mie esigenze?

INSTALLAZIONE E Manutenzione degli addolcitori d'aCQUA

  1. L'installazione dell'addolcitore è una operazione complessa?
  2. Ogni quanto tempo è necessario aggiungere il sale nel tino dell'addolcitore?
  3. Dove acquisto il sale per addolcitori?
  4. Perche' l'addolcitore non produce acqua addolcita?
  5. E' necessario pulire il tino salamoia?
  6. Quando e' necessario sostituire un addolcitore?

Costi dell'addolcitore e di esercizio

  1. Quanto costa un addolcitore?
  2. Quali sono i costi di esercizio degli addolcitori?

 

 

Acqua dura e addolcitori d'acqua

  1. Che cosa significa il termine "acqua dura" ?
    L'acqua dura è quell'acqua con una concentrazione di calcio e magnesio o altri minerali superiore alla media. Ci si riferisce a tale concentrazione con il termine "durezza dell'acqua".

    Torna su...

  2. Quando è opportuno eliminare la durezza dell'acqua ?
    E' fondamentale ridurre od eliminare la durezza dell'acqua in tutti quei processi dove depositi e incrostazioni calcaree possano costituire serio problema per tubazioni, condutture, impianti industriali, caldaie, boiler, pannelli solari. Inoltre è consigliabile utilizzare acqua dolce in ambito domestico se si desidera ridurre il rischio di guasti ad elettrodomestici quali lavastoviglie o lavatrici, eliminare incrostazioni e depositi nei sanitari, vasche idromassaggio e ridurre la quantità utilizzata di prodotti detergenti e sapone.

    Torna su...

  3. In cosa consiste l'addolcimento dell'acqua?
    Addolcire l'acqua significa ridurre la concentrazione di minerali, in particolare calcio e magnesio in essa contenuti. Il processo comunemente utilizzato per l'addolcimento dell'acqua è l'addolcimento a scambio ionico in cui ioni di calcio e magnesio sono scambiati con ioni di sodio grazie ad apposite resine a scambio ionico.

    Torna su...

  4. A cosa servono gli addolcitori d'acqua ?
    Gli addolcitori d'acqua a scambio ionico sono impianti progettati per eliminare la durezza dell'acqua mediante lo scambio, tramite apposite resine, di ioni di calcio e magnesio con ioni di sodio.

    Torna su...

  5. Perchè addolcire l'acqua?
    L'acqua dura può causare incrostazioni ed ostruire tubazioni e condutture, sistemi di ricircolo dell'acqua, elettrodomestici. Tali depositi possono provocare rotture in impianti quali caldaie o serbatoi d'acqua, boiler, pannelli di riscaldamento solari. Inoltre l'acqua addolcita riduce sensibilmente il consumo di sapone e detergenti e evita la fomrazione di depositi su vasche, docce, sanitari.

    Torna su...


  6. A chi consigliato installare un addolcitore d'acqua?
    E' consigliato installare un impianto di addolcimento a singole abitazioni, condomini, complessi residenziali, bar e ristoranti, hotel, ospedali,lavanderie, autolavaggi, industrie di vario tipo.

    Torna su...


  7. Come funzionano gli addolcitori a scambio ionico?
    Gli addolcitori a scambio ionico eliminano ioni carichi positivamente quali gli ioni di Calcio (Ca2+) e di Magnesio (Mg2+) attraverso il passaggio dell'acqua su di un letto di resine contenuto all'interno di un serbatoio. Tali resine sono in grado di trattenere gli ioni di Calcio o Magnesio scambiandoli con ioni di Sodio. Periodicamente le resine dell'addolcitore devono essere "ricaricate" (Ovvero rigenerate) con una soluzione satura di Cloruro di Sodio (Il comune sale da cucina) prelevato da un apposito contenitore denominato tino salamoia. Tali processi sono di norma completamente automatizzati attraverso un timer ed una valvola di controllo, ma possono essere controllati anche manualmente. Le rigenerazioni possono essere programmate a intervalli prefissati (Addolcitori con valvola a tempo) o in base al volume d'acqua trattato (Addolcitori con valvola volumetrica) a seconda del tipo di addolcitore.

    Torna su...


  8. E' preferibile installare un addolcitore con valvola a tempo o un addolcitore volumetrico?
    La scelta fra addolcitori a tempo o addolcitori volumetrici deve essere affrontata caso per caso secondo specifiche esigenze. In generale consigliamo per utenze domestiche l'installazione di addolcitori con valvola a tempo nel caso di consumi medi settimanali tendenzialmente costanti.

    Torna su...


  9. Quali sono le principali differenze tra addolcitori a doppio corpo e addolcitori cabinati?
    Gli addolcitori a "doppio corpo" sono addolcitori aventi due elementi separati: filtro addolcitore (contenente le resine) e serbatoio di stoccaggio sale (tino salamoia).
    Gli addolcitori di tipo cabinato sono addolcitori in cui il serbatoio filtrante è inserito all'interno del serbatoio salamoia. Le dimensioni complessive risultano in tal caso più compatte rispetto alla versione a due elementi.
    E' inoltre disponibile una particolare tipologia di addolcitori semi cabinati in cui il tino salamoia avvolge esternamente il corpo filtrante. Tale tipologi permette di rimuovere periodicamente il tino per le necessarie operazioni di pulizia, operazione più complessa nel caso degli addolcitori cabinati di tipo standard.

    Torna su...


  10. Come posso dimensionare un addolcitore?
    Il dimensionamento corretto dell'addolcitore deve essere calcolato partendo fondamentalmente dai seguenti parametri: durezza dell'acqua da trattare, consumo medio d'acqua giornaliero, consumo di acqua di punta.

    Torna su...


installazione e Manutenzione dell'addolcitore

  1. L'installazione dell'addolcitore è una operazione complessa?
    L'installazione e l'avviamento degli addolcitori d'acqua a scambio ionico sono operazioni nella maggior parte dei casi relativamente semplici. Possono essere eseguite direttamente anche da un qualsiasi idraulico di fiducia.
    In numerose abitazioni inoltre è spesso già presente una predisposizione che rende ancora più semplice l'installazione dell'impianto.
    Contattateci per richiedere lo schema di installazione degli addolcitori Standard S.

    Torna su...

  2. Ogni quanto tempo è necessario aggiungere il sale nel tino dell'addolcitore ?
    Per il corretto funzionamento dell'addolcitore è necessario che il tino salamoia risulti sempre riempito di sale fino a circa metà altezza. In questo modo si è sicuri che rigenerazioni avvengano sempre con un'acqua satura di sale contenuta nel tino salamoia.

    Torna su...


  3. Dove acquisto il sale per addolcitori ?
    Il sale per addolcitori è Cloruro di Sodio ovvero il comune sale da cucina. Spesso è possibile acquistare tale sale in forma di pastiglie essicate nei comuni supermercati o presso ditte specializzate.

    Torna su...


  4. Perche' l'addolcitore non produce acqua addolcita ?
    Spesso tale problema dipende da una fase di rigenerazione non efficace. Questo è può essere causato o dalla mancanza di sale nel tino dell'addolcitore o perchè non è passato sufficiente tempo fra l'aggiunta del sale e la fase di rigenerazione: è necessario un tempo di latenza dell'acqua nel tino perchè possa disciogliere il sale.
    Qualora il caso non rientri tra quelli sopra menzionati occore una verifica dell'impianto.

    Torna su...


  5. E' necessario pulire il tino del sale ?
    Il sale utilizzato per riempire il tino salamoia può contenere talvolta impurità non solubili. E' consigliabile quindi periodicamente procedere al risciacquo del tino sale con acqua pulita per rimuovere tali impurità evitandone l'accumularsi nel tempo.

    Torna su...


  6. Quando e' necessario sostituire un addolcitore?
    Verificata l'assenza di malfunzionamenti dell'impianto e che non sia assente il sale nel tino salamoia, se l'acqua trattata dall'addolcitore risulta essere ancora acqua dura può significare che il potere di scambio delle resine sia esaurito.
    E' quindi necessario sostituire le resine o , considerato il costo delle due operazioni, sostituire completamente l'impianto di addolcimento.

    Torna su...


Costi dell'addoclitore e di esercizio

  1. Quanto costa un addolcitore?
    I costi dell'addolcitore variano in funzione dei litri di resina contenuti e della portata di acqua da trattare.
    Per conoscere i prezzi degli addolcitori Standard S Vii invitiamo a contattarci mediante il
    form qui a lato e o richiedere un preventivo personalizzato attraverso la pagina dedicata.

    Il costo dell'impianto risulta spesso ampiamente compensato dal risparmio economico conseguente all'utilizzo di acqua addolcita con una azione preventiva verso i danni causati dai depositi calcarei.

    Torna su...

  2. Quali sono i costi di esercizio degli addolcitori?
    Gli addolcitori a scambio ionico Standard S hanno costi di esercizio estremamente contenuti. La spesa per il sale necessario alla rigenerazione è in generale largamente compensata dai benefici e risparmi ottenuti dall'installazione dell'addolcitore stesso e dall'utilizzo di un'acqua addolcita. ( Ad esempio il risparmio nel consumo di corrente elettrica o gas di boiler e caldaie, riduzione delle quantità d'uso di prodotti detergenti, riduzione dei problemi derivanti da incrostazioni calcaree... ).
    I costi relativi al consumo elettrico sono trascurabili: la corrente elettrica necessaria è solo quella relativa all'alimentazione del timer (Alimentatore da 12V-3W).

    Torna su...

 

 


Addolcitori Standard S » Addolcitori domestici e professionali » Domande frequenti e guida addolcitori